Italo Calvino, L’inferno dei viventi

“L’inferno dei viventi non è qualcosa che sarà se ce n’è uno, è quello che è già qui, l’inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l’inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.” – Italo Calvino( Le città invisibli)
2113251254.jpg
Quando mi alzo alzo lo sguardo
al giorno che nasce ogni volta per me
senza rancore o bene. Mi preparo
all’insonne pazzia quotidiana
con smarrita voglia di respirare
tutto il tempo invano passato.
Che solo sa chi non fa tanti
sforzi disperati di memoria.

Dario Bellezza

Inviato da: infernodeivivi

Italo Calvino, L’inferno dei viventiultima modifica: 2008-07-30T14:52:00+02:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento