Edoardo Semmola, Franco Cardini e Don Milani

dal CORRIERE DELLA SERA 27 marzo 2009

Edoardo Semmola
INTERVISTA

Franco Cardini: tassiamoci per la libreria di don Milani
1.jpg
Tra due settimane chiuderà la Lef, storica libreria di don Milani e La Pira. Mezzo secolo da assoluta protagonista a Firenze. Nel 1956 la casa editrice e libreria fiorentina sfidò apertamente le gerarchie cattoliche dando alle stampe Esperienze pastorali e poi Lettera a una professoressa del priore di barbiana.

2.jpg

3.jpgOggi, per salvare quel luogo simbolo del cattolicesimo democratico, lo storico Franco Cardini lancia il suo guanto alla stessa “società indecente” che la sta facendo morire: “Basta con le solite chiacchiere, mano al portafoglio: sfido la città a dimostrarmi di non essere diventata così indecente da permettere la fine della Lef”.

Dunque: “Facciamo una cordata, io ci metto mille euro e vediamo in quanti mi seguono”.
Doppia sfida, insomma, a mezzo secolo di distanza. Allora tutto nacque da un’idea di Gian Paolo Meucci, padre del diritto minorile italiano, e dei proprietari, i fratelli Zani, che aprirono così la prima pagina dell’avventura gloriosa della libreria di via Ricasoli.
La Lef divenne il centro nevralgico del rinnovamento politico e culturale del mondo cattolico grazie a menti illuminate come padre Balducci, La Pira, Mario Gozzini e allo stesso don Milani. Ma ora è giunta all’ultima pagina e sta per chiudere perché non ce la fa più a tenere il passo con il mercato. Per Firenze è un po’ come dimenticare la memoria di don Milani, anche se resta aperta la casa editrice. Michele Gesualdi, allievo di don Milani e presidente della fondazione che porta il suo nome, si è offerto di gestire la Lef tramite il “lavoro del nostro volontariato”. La Lef, però, muore perché non riesce a pagare l’affitto e “purtroppo – continua Gesualdi – non abbiamo abbastanza soldi”. Amareggiato, ripensa a “una Firenze in cui tutto era bello: le idee, la politica, le persone e che penna dopo penna sta perdendo tutto il piumaggio più bello”.

4.jpg

La sottoscrizione promossa da Cardini sta riscuotendo i primi successi: dal giallista Leonardo Gori all’associazione dei locali del centro “Vivacity”, fino al “Comitato cittadino di informazione e partecipazione” di Paolo Coccheri, la provocazione si è trasformata in un tam-tam. Anche il mondo dell’editoria partecipa con diverse proposte: da Angelo Pontecorboli a Nicoletta Pescarolo de “Le Lettere”, dal fondatore de “La Mandragola” Mario Curia a Fernando Corona della “Vallecchi”.

Edoardo Semmola, Franco Cardini e Don Milaniultima modifica: 2009-03-30T15:26:00+02:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento