Valter Vecellio, Carceri: continua la strage-suicidi

carceri: continua la strage-suicidi. Il 25 % dei detenuti risulta positivo al test TBC, il 15% in fase di AIDS conclamato
valter.jpg
di Valter Vecellio, agenzia radicale

La strage continua, in quell’inferno che, a detta dello stesso ministro della Giustizia Angiolino Alfano, sono la stragrande maggioranza delle carceri italiane. Il 26 marzo, a Poggioreale, il carcere napoletano. Francesco Esposito, un giovane di 27 anni, ha atteso che i suoi compagni di cella uscissero per la “passeggiata”; una volta rimasto solo, si è annodato al collo un lenzuolo e si è tolto la vita. Esposito era finito in carcere per rapina e spaccio di stupefacenti il 17 febbraio scorso. E’ il terzo suicidio che si verifica nel carcere di Poggioreale dall’inizio dell’anno.

Caso analogo quello che si è consumato il 28 marzo. Un ragazzo di vent’anni, se ne hanno solo le iniziali, C.C., recluso nella casa circondariale di Catania, si è ucciso impiccandosi nella sua cella. Il ragazzo era in carcere appena da una settimana. Sufficiente per fargli preferire alla detenzione la morte. Secondo l’accusa, assieme a due complici, avrebbe rapinato una tabaccheria. Le immagini della telecamera lo avevano immortalato, lui si era difeso sostenendo che si trovava casualmente nel negozio. Non importa qui stabilire se C.C. era o no innocente. Conta che sette giorni di detenzioni lo hanno fatto crollare, e ha preferito suicidarsi, dopo appena sette giorni di detenzione.

Una settimana prima il presidente della commissione per i diritti umani del Senato Pietro Marcenaro aveva effettuato un sopralluogo presso tre penitenziari siciliani: l’Ucciardone di Palermo; la casa di reclusione di Favignana e il carcere di Catania. Hanno confermato, al termine della visita, quello che più volte ha denunciato la parlamentare radicale Rita Bernardini: gravissimi problemi infrastrutturali, organizzativi e di sovraffollamento; condizioni di vita disagiate, carenze di personale.

In particolare, all’Ucciardone si segnala la “scarsa presenza di attività rieducative, circostanza questa che rende difficile ogni azione di recupero e reinserimento sociale”. La situazione di
Favignana “costituisce un esempio di come non debba essere un carcere in una società civile…le celle si trovano sotto il livello del mare, sono umide, prendono luce solo dalla porta, non dispongono di finestre e l’attività della magistratura si sorveglianza appare del tutto insufficiente e approssimativa soprattutto per quanto attiene al trattamento degli internati, nei confronti dei quali si opera alla stessa stregua dei detenuti, privando gli stessi di attività lavorative adeguate”.

E veniamo alla situazione catanese, definita semplicemente e brutalmente “drammatica”: “Nonostante i lavori di ristrutturazione, puntualmente eseguiti dalla direzione, nelle celle vivono fino a tredici reclusi, alcuni costretti a dormire per terra per mancanza di adeguati spazi. E’ urgente che si dia rapida attuazione alle recenti disposizioni varate dal Parlamento in materia di edilizia penitenziaria, così come è urgente che la regione siciliana recepisca le norme in materia di sanità carceraria, al fine di evitare il pericolo della sospensione delle cure mediche”.

Nel frattempo, la situazione incancrenisce. Entro la fine della settimana, denuncia l’OSAPP, l’organizzazione sindacale autonoma della polizia penitenziaria, i detenuti nelle carceri italiane raggiungeranno quota 61.000, a fronte di una capienza di 43.000 posti. “E’ inammissibile”, si legge in una nota dell’OSAPP, “che tutto sia rimandato a maggio, quando il Commissario straordinario presenterà il piano per l’incremento dei posti letto negli istituti di pena. Nel frattempo non si muove nulla, e il numero dei detenuti cresce”.

Viene fatto un esempio emblematico, quello della casa circondariale Lo Russo-Cotugno di Torino: sono presenti 1.600 detenuti, quando in realtà le strutture ne possono ospitare solo 923: “Qui si pratica la carcerazione ginnica, che consiste nel tenere i reclusi in palestra, costretti con un materasso a dormire per terra. E’ uno dei tanti casi dove le condizioni igieniche sono estreme e i carichi di lavoro per tutto il personale delle sezioni detentive, della matricola, del casellario, della sala avvocati e così via, si sono praticamente quadruplicati”.

Prima di finire, una notizia allarmante: la tubercolosi, insieme all’HIV e alle epatiti virali, è tra le malattie più diffuse in carcere. Gli ultimi dati sulla presenza di questa e delle altre patologie in carcere sono stati diffusi – ma da tutti ignorati – dalla Società Italiana di Medicina e Sanità Penitenziaria, che ha stimato che sulla popolazione presente nelle carceri sono circa tremila i detenuti affetti da HIV e ben il 15 per cento in fase di AIDS conclamata, il 38 per cento dell’intera popolazione detenuta è colpita dall’epatite virale da HCV e il 25 per cento risulta positivo al test per l’infezione da tubercolosi.

Valter Vecellio, Carceri: continua la strage-suicidiultima modifica: 2009-03-31T23:57:00+02:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento