Armando Todesco, Pisapia: considerazioni

Pisapia:considerazioni
 
Ero abituato ,come tutti i milanesi, a vedere il sindaco Pisapia come una persona  dall’animo buono e molto aperto a tutto ,in particolare alle istanze sociali e personali e a comportamenti pubblici conseguenti alle scelte di sinistra che da decenni lui ha fatto . 
Ma ci sono due episodi  che mi inquietano  un po’.408123_232284740180867_100001980274242_482887_511459222_n.jpg
Primo episodio :
in occasione del 12 dicembre a Milano  il nostro sindaco si e’  mosso con rabbia contro un cronista perche’ questo e’stato  ,a suo modo di vedere , colpevole di avergli messo il microfono troppo vicino alla mano .
All’indomani Pisapia   si e’ scusato   dicendo che  e’ stato un gesto inconsapevole e non offensivo verso la stampa o a chicchessia .
Qui la stampa che ormai si puo’ tranquillamente chiamare di regime ha taciuto o comunque ha messo il fatto in seconda pagina .
Secondo epsisodio .
Mentre  quasi tutta l’Italia e  a MIlano si parlava di alcuni operai  che si trovano in cima a una gru per avere un mezzo stipendio per mangiare ,Pisapia  pensa sia opportuno passare le vacanze al sole di una localita’ balneare nella lontana Tailandi,dal costo sicuramente  non alla potata di tanti milanesi ,anche di quelli che vivono bene ma che sono molto risparmiosi e che si trovano a Cortina a Natale   .
Non che il sindaco coi suoi soldi non possa passare le vacanze dove vuole ma l’osservazione che io faccio e se era proprio il caso in questo periodo fare sfoggio e un viaggio di migliaia di chilometri per andare a prendere il sole,quando moltissimi milanesi e l’economia conseguente hanno avuto un flessione del 20% dal portafoglio .
Mi domando cioe’ se non era il caso di dimostrare una maggior attaccamento ai comportamenti sociali dei propri cittadini e dei propri elettori in un periodo particolarmente duro  .
A mio avviso il sindaco avrebbe potuto essere presente a Milano e far parte come tutti di un periodo di vacanze che se anche fatte nel  freddo della citta’ di MIlano non avrebbe certamente gravato sulla sua salute ma avrebbe fatto girare il conta fiducia  verso di lui .
Questi due episodi  segnalano dei comportamenti del sindaco piuttosto anomali con la sua militanza politica finora esplicitata che rischia di essere vista piu’ a parole che nei fatti .
Nei due episodi c’è poi una strano   silenzio della stampa sui suoi comportamenti .
Ora il conta fiducia credo  non vada a favore del sindaco perche’ molti si chiedono se a distanza di 6 mesi quali sono i risultati raggiunti e molti parlano che le tasche sono …piene di parole .
E cio’ che e’ successo cioe’ la baraonda nel primo incontro fatto per illustrare la progetto C e’ significativo .
In fondo cio’ che si voleva e che non si e’ ottenuto e’ che  il sindaco doveva essere una persona “pesante”  in citta’ con apparizioni non rare  e non un sindaco da tavolino .
Non una giunta e un sindaco che appaiono a volte  evanescenti e contradditori .
 Per ultimo ,ricordo che il sindaco e’ stato beccato  nei mesi precedenti la battaglia elettorale dal caso di affittopoli una situazione di durata decennale di collusione tra civili,politici ,tra reciproche cortesie e vantaggi sulle case dei milanesi a vantaggio di …pochi eletti ,su cui si e’ parlato poco e su cui credo che poi le cose siano state messe  a posto …all’italiana ,ma di cui vorremmo conoscere di piu’.
Insomma ce n’e’ per dire che di Pisapia ci sta mostrando un lato nascosto di cui non si sapeva niente ?
Ce n’e’ per dire che  se mettiamo insieme i comportamenti ,che sono poi alla fine  quelli che contano ,con la posizione politica dichiarata ci rendiamo conto di contraddizioni  a tal punto da farci delle domande    sulla   reale collocazione politica del sindaco :e’ di sinistra , e’di centro o e’ di destra ?non a parole ma nei fatti.
 
Todesco Armando

Armando Todesco, Pisapia: considerazioniultima modifica: 2012-01-14T15:29:53+01:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento