Marcello Carcarino,Quando Aristotele sosteneva che…

Marcello Carcarino ha pubblicato qualcosa in So che non so ciò che so
   
Marcello Carcarino    4 ottobre

grecia troia .jpg
Quando Aristotele sosteneva che la moneta fosse una mera convenzione, il termine da lui usato era SYMBOLON. Symbolon originariamente era la parola per bastoncino di credito, un oggetto spezzato a metà per siglare un contratto o un accordo, oppure ancora inciso e rotto per registrare un debito. […] Due amici possono creare un symbolon se prendono u qualche tipo di oggetto; un anello un osso una stoviglia, e lo rompono a metà […] La stessa parola era usata per designare gettoni di ogni sorta: quelli che venivano consegnati ai giurati ateniesi per permettergli di votare, ma anche i biglietti per entrare a teatro.Poteva anche essere usato per riferirsi alla moneta, ma solo se priva di un valore intrinseco: moneta di bronzo, ad uso locale. Indicando dei documenti scritti, un s. poteva anche essere un passaporto, un contratto o una ricevuta. Per estensione il termine venne anche a significare auspicio, presagio, sintomo e appunto, simbolo nell’accezione odierna. Sembra che la strada che ha portato a quest’evoluzione abbia due direttrici. ARISTOTELE insisteva sul fatto che qualunque oggetto potesse essere un bastoncino, l’importante è che potesse rompersi a metà […] L’unica ragione di questa scelta è una convenzione sociale […] Tutte le parole sono frutti arbitrari di un accordo, e lo stesso si può dire di tutto il denaro: anche l’oro PER LUI è un symbolon, una convenzione sociale cui viene assegnato un valore, come con le monete di bronzo. […] Eppure le teorie medievali del simbolo hanno preso meno da Aristotele che dalle religioni misteriche dell’antichità, dove con symbolon ci si riferiva a certe formule criptiche che solo gli iniziati potevano capire.[…] Il teorico dei simboli più letto e meditato nel Medioevo è Dionigi l’Areopagita. Egli riprese la nozione all’interno del grande problema intellettuale del suo tempo[…] Com’è possibile per la nostra conoscenza confinata al mondo dei sensi avere cognizione di un essere la cui natura è assolutamente aliena […] sarebbe impossibile se non fosse che Dio onnipotente può far tutto, e così come mette a disposizione il suo corpo nell’eucarestia, può rivelarsi alle nostre menti attraverso un’infinita varietà di forme materiali […] L’idea che i simboli siano la testimonianza di un accordo tra uguali è andata completamente persa. I simboli sono invece dei doni assoluti, liberi e gerarchici, offerti da un essere talmente al di sopra di noi che ogni idea di reciprocità, debito o obbligazione è semplicemente inconcepibile.

Marcello Carcarino,Quando Aristotele sosteneva che…ultima modifica: 2012-10-04T16:19:46+02:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento