Armando Todesco, La Cina ci sta soffocando

La  Cina ci sta soffocando
 
I fatti di cronaca  sempre piu’ spesso interessano le comunita’ cinesi all’estero. Dalla vita di queste cellule umane si puo’ arrivare a una conclusione e cioe’ che i cinesi all’estero  si accontentano di  un salario molto pu’ basso del nostro ,si accontentano di dormire in uno spazio minore del nostro e si accontentano di mangiare molto meno e in orari diversi dai nostri .
Mentre noi prima eravamo abituati a lavorare  nelle ore del mattino e poi alla sosta e poi aprire il negozio al pomeriggio  coi cinesi questo fatto e’ saltato .
Ora l’orario prolungato sta  investendo quasi tutti i settori dell’ economia.
Queste comunjta’ cinesi all’estero con un tipo di economia di questo tipo hanno piegato al loro potere per esempio l’economia di citta’ come Prato e tutta la filiera  dei tessuti in Toscana .
Ora  gli italiani a Prato devono andare a lavorare dai cinesi  e non il contrario .
La presenza dei cinesi  e dei loro prezzi superscontati sta investendo anche altri settori  come quello alimentare e dei vestiti .
Il mercato dei vestiti  si e’ diviso :c’e’ un mercato di strada  a basso prezzo e che ti da’ un vestito per passare  dignitosamente la giornata senza fare brutta figura e il vestito di alto mercato che costa tanto e che ti fa vedere una persona diversa .
Le boutique quindi sono in crisi ma vogliono anche vestiti da 1.000 euro che e’ oggi anche lo stipendio medio italiano .Non c’e da lamentarsi allora se  nei grandi territori  dove vivono le moltitutidini queste pensano di sopravvivere  andando al mercato cinese .
Nel mercato alimentare  la presenza dei cinesi e’ riuscita a fermare il mercato sui 10 euro a pasto ,mentre se non ci fossero stati loro difficilmente il costo sarebbe stato così basso .
Adesso  i giovani devono lavorare per 5 euro all’ora e se  rinunciano c’e sempre o un cinese o uno straniero come un romeno o un albanese che prende il loro posto e all’imprenditore non serve se tu sei italiano ,ma a lui serve il prodotto pagato al minimo prezzo .
La Cina ha un miliardo e mezzo di abitanti da sistemare  e siamo solo al primo passo .
E‘vero che il governo cinese nazional-comunista  ha  fatto dei passi da gigante  e ha dato lavoro a milioni di persone costruendo citta’ importanti in pochi decenni .
E’ vero che milioni di cinesi si sono spostati dalla campagna e dai villaggi  dell’agricoltura povera in citta ‘ ma e’anche vero che siamo solo all’inizio e che di milioni di persone ce ne sono ancora  e se queste pensano di emigrare anche verso l’estero  tutta l’economia italiana ne subira’ le conseguenze .
Se prima  un lavoro edilizio  andava fatto dagli italiani per un certo prezzo ora  con la presenza di extracomuntari e di asiatici i prezzi devono per forza andare giu’ anche di meta’ sen non di piu’ .
Altri settori che sono stai investiti dall’ influenza cinese sono il settore dei parrucchieri con prezzi mai visti sul mercato italiano  ,il settore dei prodotti per la casa e il settore dei miglioramenti che le donne fanno del proprio corpo .
Oggi prosperano nelle nostre citta’ i negozi per snellire le forme femminili a costi di 1.300 euro per una diecina si sedute .
Ma stanno anche facendo capolino  spazi gestiti da cinesi dove si fanno queste cose e altro come i massaggi  a prezzi meta’ di quegli italiani .
La scelta da fare obbligata allora per gli italiani e’ la riduzione dei  prezzi a meta ‘ per poter avere la stessa clientela di prima .
Se poi alla Cina ci mettiamo un paese che sta per emergere come l’India  dove vivono anche lì all’incirca 6-700 milioni di persone con poche esigenze e poi l‘Indonesia con i suoi decine e decine di milioni e il sudest asiatico come il Vietnam che sta facendo i primi passi verso ‘economia occidentale ci rendiamo conto che il commercio  italiano non puo’ andare avanti come niente  succeda .
 
Armando Todesco,sociologo
 
 6. GABIBBO jpeg.jpeg

Armando Todesco, La Cina ci sta soffocandoultima modifica: 2013-01-30T15:51:26+01:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento