Per salvare Cucchi sarebbe bastato un bicchiere di acqua e zucchero”

DA la  stampa

 

30/4/2010 (14:45) – DEPOSITATI GLI ATTI DEI PM
“Per salvare Cucchi sarebbe bastato
un bicchiere di acqua e zucchero”

Stefano Cucchi, morto a ottobre dopo un pestaggio in carcere

cUCCHI,jpeg.jpeg

13 accusati tra medici e agenti
Via il reato di omicidio colposo
ROMA
Stefano Cucchi fu picchiato dagli agenti della polizia penitenziaria e, di fatto, non curato dai medici dell’ospedale Sandro Pertini, i quali, pur avendo ben presenti le patologie di cui soffriva il ragazzo nel corso della degenza, «volontariamente omettevano di intervenire». È lo scenario che emerge dall’avviso di fine indagine, firmato dai pm Vincenzo Barba e Maria Francesca Loy e dal procuratore Giovanni Ferrara, e notificato a tredici persone. Secondo i pm per salvare Stefano sarebbe bastato un bicchiere di acqua e zucchero.

Dalle carte emerge che gli agenti Minichini, Santantonio e Domenici, «spingendo e colpendo con dei calci Cucchi, lo facevano cadere a terra e gli cagionavano lesioni personali, consistite in politraumatismo ematoma in regione sopracciliare sinistra, escoriazioni sul dorso delle mani, lesioni escoriate in regione para-rotulea bilateralmente, cinque lesioni escoriate ricoperte da crosta ematica in corrispondenza della cresta tibiale sinistra, altre piccole escoriazioni a livello lombare para-sacrale superiormente e del gluteo destro e infrazione della quarta vertebra sacrale da cui derivava una malattia della durata compresa tra 20 e 40 giorni».

Non solo, ma «allo scopo di far desistere il detenuto dalle reiterate richieste di farmaci e alle continue lamentele, lo sottoponevano a misure di rigore non consentite dalla legge». Stando ai magistrati, dunque, non furono le botte inflitte a Cucchi, nelle celle di sicurezza del tribunale di Roma, a determinare la sua morte, avvenuta sei giorni dopo il pestaggio.

Per la procura, il funzionario del Prap e la dottoressa Caponetti, in servizio al Pertini il 17 ottobre, si attivano subito per nascondere le lesioni riportate da Stefano Cucchi nel pestaggio in tribunale. E così, i due «indicano falsamente in una cartella clinica», in evidente contrasto con quanto rilevato dai medici di Regina Coeli e del Fatebenefratelli, dove viene in un primo momento portato il detenuto, che Cucchi «appariva in condizioni generali buone», con «stato di nutrizione discreto, decubito indifferente, apparato muscolare “tonico trofico”. In realtà si sorvolava sul fatto che Stefano era un «paziente allettato in decubito obbliogato, cateterizzato, impossibilitato alla stazione eretta e alla deambulazione, con apparato muscolare gravemente ipotonotrofico».

Marchiandi e Caponetti, di conseguenza, fanno in modo che Cucchi venga ricoverato al Pertini, struttura ritenuta da chi indaga non idonea perchè normalmente destinata ad ospitare pazienti «non acuti». Il detenuto era invece un politraumatizzato a rischio. Il funzionario del Prap, addirittura, si presenta il 17 ottobre al Pertini (un sabato) in orario extralavorativo (alle 18) per redigere la richiesta di disponibilità di un posto letto per il ricovero di Cucchi.

Questo ospedale, fanno notare gli inquirenti, non ha il reparto di rianimazione nè il pronto soccorso. Altrove Cucchi sarebbe stato visibile a tutti, compresi ai suoi familiari che per alcuni giorni non riescono ad avere alcuna notizia sullo stato di salute del ragazzo. Dal 18 al 22 ottobre 2009, i giorni di degenza al Pertini, Cucchi, «incapace di provvedere a se stesso», viene letteralmente abbandonato dal personale medico e paramedico.

Per i pm era affetto da «politraumatismo acuto, con bradicardia grave e marcata, alterazione dei parametri epatici, segni di insufficienza renale in soggetto in stato di magrezza patologica (cachettico)». Nonostante ciò, i medici e gli infermieri «omettevano di adottare i più elementari presidi terapeutici e di assistenza, che nel caso di specie apparivano doverosi e tecnicamente di semplice esecuzione ed adottabilità, essendo certamente idonei a evitare il decesso del paziente».

Per salvare Cucchi sarebbe bastato un bicchiere di acqua e zucchero”ultima modifica: 2010-04-30T18:02:08+02:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento