Walter Benjamin, Il mio comunismo…

 

 

rosa.jpeg«Di tutte le forme e le espressioni possibili il mio comunismo evita soprattutto quella di un credo, di una professione di fede […] a costo di rinunciare alla sua ortodossia – esso non è altro, non è proprio nient’altro che l’espressione di certe esperienze che ho fatto nel mio pensiero e nella mia esistenza, è un’espressione drastica e non infruttuosa dell’impossibilità che la routine scientifica attuale offra uno spazio per il mio pensiero, che l’economia attuale conceda uno spazio alla mia esistenza […] il comunismo rappresenta, per colui che è stato derubato dei suoi mezzi di produzione interamente, o quasi, il tentativo naturale, razionale di proclamare il diritto a questi mezzi, nel suo pensiero come nella sua vita». Walter Benjamin (in risposta al suo amico Scholem, 6 maggio 1934)

Walter Benjamin, Il mio comunismo…ultima modifica: 2011-11-29T12:57:19+01:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento