Ercole Patti: “Un bellissimo novembre”, 1967

dal blog via delle belle donne Ercole Patti: “Un bellissimo novembre”, 1967 1 by Bartolomeo Di Monaco in Di Monaco Bartolomeo, Ercole Patti, Recensioni e note di lettura Ercole Patti Nato a Catania il 16 febbraio 1903 e morto a Roma il 15 novembre 1976 (il giorno e il mese coincidono con quelle stringate parole che chiudono il romanzo: “Era … Continua a leggere

Mario Grossi,Massimo Recalcati. Cosa resta del padre?

Massimo Recalcati. Cosa resta del padre? DI MARIO GROSSI – 18 APR ’11 In quello che da molti viene descritto come il tempo dell’evaporazione del padre serviva, almeno a me che non mi sono mai occupato dell’argomento pur essendo padre, un compendio che ne delimitasse i contorni e ne focalizzasse il percorso. Si assiste a uno sgomento deambulare di padri … Continua a leggere

Quel fasciocomunista di Pratolini

Quel fasciocomunista di Pratolini DI ANTONIO PENNACCHI – 18 APR ’11 CATEGORIE: CULTURA Quella che segue è la prefazione di Antonio Pennacchi al Metello, di Vasco Pratolini, in uscita mercoledì prossima per le edizioni Rizzoli-Bur. E’ postata qui in anteprima per gentile disponibilità dell’Autore. DALLA PARTE DI METELLO Antonio Pennacchi Metello è un classico e la cosa più saggia sarebbe … Continua a leggere

Alessandro Portelli: «Nella Harlan County la lotta di classe passa per la cultura»

da LIBERAZIONE Alessandro Portelli: «Nella Harlan County la lotta di classe passa per la cultura» intervista di Guido Caldiron Scoprire la lotta di classe attraverso una canzone folk. E’ così che Alessandro Portelli all’inizio degli anni Sessanta fece conoscenza, con un brano di Pete Seeger intitolato “Which Side Are You On?” (Da che parte stai?) e dedicato agli scioperi dei … Continua a leggere

Tremonti, Quale disoccupazione?

IL VERTICE DEL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE A WASHINGTON Tremonti: ma quale disoccupazione, da noi gli immigrati lavorano tutti Il ministro dell’Economia: evidentemente i giovani italiani non vogliono fare determinati tipi di lavoro MILANO – «In Italia ci sono 4 milioni di immigrati, tra cui moltissimi giovani che lavorano da mattina a sera e anche di notte. L’Italia è un Paese … Continua a leggere

VALENTINA ASCIONE Il caso Papini: colpevole di essere innamorato

VALENTINA ASCIONE Il caso Papini: colpevole di essere innamorato 15-04-2011 E’ proprio vero che la vita può cambiare in un momento. Un attimo prima, ad esempio, sei un professionista di successo sulla piazza nazionale. Un attimo dopo un aspirante terrorista, stella nascente della lotta armata. Basta un istante. Un istante per sconvolgere un’esistenza serena, normale. E appena ventisette secondi per … Continua a leggere

GMCavallarin, staccare la spina a Isayas

Da: “giovannimarco.cavallarin@fastwebnet.it” <giovannimarco.cavallarin@fastwebnet.it> Oggetto:  Appello al governo italiano perché stacchi la spina al dittatore eritreo Isayas Inoltro quanto segue per sostenere questa iniziativa che chiede che il governo italiano sospenda le relazioni con la dittatura eritrea. Il fatto che in Eritrea non siano ancora scoppiati moti popolari di rivolta dimostra quanto dura e feroce sia la repressione. Il sostegno che … Continua a leggere

LA FORZA DEL DESTINO. STORIA D’ITALIA DAL 1796 AD OGGI – CHRISTOPHER DUGGAN

NonSoloProust « VENERDÌ, 08 APRILE 2011 LA FORZA DEL DESTINO. STORIA D’ITALIA DAL 1796 AD OGGI – CHRISTOPHER DUGGAN Christopher DUGGAN, La forza del destino. Storia d’Italia dal 1796 a oggi (tit. orig. The Force of Destiny: A History of Italy since 1796) traduz. di H. Ferrara degli Uberti, p.794, Laterza, Collana i Robinson/Letture, 2011, ISBN: 9788842095309 «Storia di una … Continua a leggere

Stefano Del Giudice,Bye Bye Blair

Laboura-Story Home » Dalla redazione… » [Bye Bye Blair] Il socialismo europeo tra il Gambero Rosso e un futuro da scrivere [Bye Bye Blair] Il socialismo europeo tra il Gambero Rosso e un futuro da scrivere giovedì 14 aprile 2011 Scritto da Stefano Del Giudice – 49 letture 4 commenti L’uscita di scena di Zapatero, che ha deciso di non … Continua a leggere

Pablo Neruda, Non incolpare nessuno

Non incolpare nessuno Non incolpare nessuno, non lamentarti mai di nessuno, di niente, perché in fondo Tu hai fatto quello che volevi nella vita. Accetta la difficoltà di costruire te stesso ed il valore di cominciare a correggerti. Il trionfo del vero uomo proviene delle ceneri del suo errore. Non lamentarti mai della tua solitudine o della tua sorte, affrontala … Continua a leggere